Ambiente e Territorio

 

Nell’Area Ecologia, Ambiente e Territorio si effettuano studi a carattere territoriale e ambientale al fine di conoscere, rappresentare, studiare e modellizzare processi naturali legati all’attività dell’uomo. Allo scopo ci si avvale dei Sistemi Informativi Territoriali (SIT), che sono un insieme di strumenti in grado di raccogliere, archiviare e visualizzare dati spaziali e non, di trasformarli in informazioni, di integrare differenti tipi di dati, di analizzare e di modellare i fenomeni che occorrono sulla superficie terrestre, di fornire supporto alle decisioni. L’applicazione dei SIT e della modellistica unite alle diverse competenze presenti nel CO.T.IR. (agronomiche, chimiche, idrogeologiche, informatiche ed economiche) hanno permesso e permettono di: • descrivere il territorio nei suoi aspetti geologici, pedologici, geomorfologici e di uso del suolo attraverso la lettura di foto aeree;

 

 

• realizzare carte pedologiche genetiche e a scopo irriguo; • produrre carte di uso del suolo da dati da satellite, facilmente aggiornabili e utilizzabili per la gestione dell’irrigazione a livello consortile; • monitorare i sistemi irrigui per quantificare le disponibilità idriche, i fabbisogni colturali e gli effettivi utilizzi al fine di fornire indicazioni appropriate alla razionalizzazione della risorsa idrica nell’irrigazione; • monitorare l’acqua superficiale e profonda a scala di bacino per valutare eventuali apporti di nitrati, fosfori e sedimenti che si ripercuotono sull’equilibrio ambientale, per controllare i movimenti della falda durante le stagioni, per studiare l’ingressione salina nella fascia costiera, ecc.; • valutare l’erosività e la perdita di suolo mediante modellistica; • valutare i cambiamenti di un territorio in modo da migliorare la pianificazione introducendo nuovi indicatori quali: la protezione dell’ambiente, il rispetto del paesaggio, la salvaguardia degli ecosistemi e lo sviluppo sostenibile; • applicare il modello di simulazione idrologico SWAT (Soil and Water Assessment Tool) con lo scopo di mettere a confronto l’attuale realtà di un bacino con diversi scenari; • realizzare Piani di classifica e riparto della contribuenza per i Consorzi di Bonifica;

 

• creare e aggiornare il sistema informativo delle reti irrigue dei Consorzi di Bonifica al fine di ottimizzare la gestione dell’acqua a scala consortile; • fornire il proprio contributo scientifico alla realizzazione di progetti europei che prevedono la predisposizione di una infrastruttura per l’informazione territoriale della Comunità Europea (Direttiva INSPIRE); • implementare analisi e studi territoriali per studiare la possibilità di introduzione di colture bio-energetiche nei territori agricoli ai fini dello sviluppo di filiere agro-bio-energetiche. Le innumerevoli informazioni gestite con i SIT, inoltre, hanno fornito un valido supporto alla realizzazione dell’analisi ambientale iniziale del COTIR necessaria per la strutturazione, implementazione e certificazione (BVQI n.17621) del Sistema di gestione Ambientale in base alla norma UNI EN ISO 14001:2004. La peculiarità dell’Analisi Ambientale applicata al Centro è stata successivamente una base di riferimento per altri studi a carattere ambientale con l’obiettivo di ripetere ed applicare l’esperienza acquisita al COTIR, ad altre realtà, con l’intento di validare uno strumento “ambientale” a supporto di enti decisori.